Notti di Pizzica, cronache rosa da un paese senza nome. Un affresco dell’Alto Salento negli anni 50, ricordo indelebile della civiltà contadina in via d’estinzione. Una realtà allegra e spensierata che danza alla luce della luna. Ritempra lo spirito del cittadino che incomincia a ridere di gusto conoscendo personaggi unici, storie di corna al limite del credibile e le uscite misteriose della perpetua, troppo furba per farsi scoprire dai gestori della piazza. Tre splendide ballerine resteranno impresse nella memoria, a testimonianza di un mondo magico salvatosi per caso dall’ invasione dell’era moderna.